Villa San Giovanni Info e Notizie

Carburanti: Sciopero dei gestori il 25-26 Gennaio. FAIB: 300 euro l’anno in più per il pieno

Sciopero dei gestori per il caro carburanti il 25 e 26 gennaio. La FAIB (Federazione Autonoma Italiana Benzinai): Il pieno costerà agli italiani 300 euro l’anno in più.

Carburanti: Sciopero dei gestori il 25-26 Gennaio. FAIB: 300 euro l’anno in più per il pieno

Gestori in agitazione: Lo si apprende dall'Agenzia Ansa "Per porre fine a questa ondata di fango contro una categoria di onesti lavoratori e cercare di ristabilire la verità, le associazioni dei gestori, unitariamente, hanno assunto la decisione di proclamare lo stato di agitazione della Categoria, su tutta la rete; di avviare una campagna di controinformazione sugli impianti e proclamare, per le giornate del 25 e 26 gennaio 2023, una prima azione di sciopero, con presidio sotto Montecitorio".


Così FAIB Confesercenti in una nota
I rincari andranno ad incidere, su base annua, per 300 euro a famiglia, rispetto a marzo, e 180 euro rispetto a dicembre, senza tener conto dell’effetto traino che produrrà su tutti i beni di consumo e sull’inflazione interna che è già a livelli preoccupanti. Ogni pieno di benzina costerà in media 15 euro in più rispetto a 10 mesi fa. Considerato che siamo ancora in piena crisi energetica, con la guerra in atto, c’è il rischio concreto di nuove impennate delle quotazioni sui mercati internazionali, con ulteriori aggravi per famiglie e imprese. 

“Esprimiamo la massima preoccupazione per la decisione adottata dal Governo – dice Giuseppe Sperduto, Presidente nazionale Faib Confesercenti -. Nel ribadire che i gestori carburanti non determinano il prezzo, sempre deciso e indicato dalle compagnie petrolifere e dai retisti privati, Faib ricorda che ai gestori, a prescindere dal prezzo alla pompa, vanno sempre e soltanto 3,5 centesimi lordi al litro. Benzinai che per 9 mesi hanno sostenuto l’anticipo del taglio, senza alcuna compensazione, come più volte richiesto. Va anche sottolineato che più cresce il prezzo meno prodotto si vende e questo determina un impoverimento delle gestioni: di fronte a questo scenario serve una urgente e organica ristrutturazione del settore, razionalizzando la rete e diversificando le attività non oil sulle stazioni, valorizzando i prodotti petroliferi ecologici e sintetici e ristrutturando il peso fiscale”.

“Ci aspettiamo – conclude Sperduto – una urgente convocazione del Governo, come promesso dal Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin, per riaprire il tavolo di lavoro perché in ballo c’è il futuro della mobilità del Paese, della logistica e delle persone, oltre a 250 mila occupati nelle stazioni di servizio, nella raffinazione e nel principale indotto produttivo e dei servizi”.

Google News Ricevi i nostri aggiornamenti da GOOGLE NEWSSEGUICI

Ultimi Articoli